In una brand identity ben fatta sono 3 le cose principali da tenere conto: immagini, font e colori.

Le immagini sono intese come quelle che compongono la moodboard ispirazionale – come ti spiego meglio qui – cioè quell’insieme di foto che ti aiutano a raccogliere il mood della tua attività e a prendere confidenza con quello che vuoi trasmettere al mondo. Il font, esistente o disegnato, compone il logotipo e i testi degli impaginati cartacei o web. Ed infine i colori, che rappresentano la nostra identità visiva online e non solo.

I colori sono fondamentali per veicolare reazioni emotive immediate, ancor prima di aver letto il nome del nostro brand o la nostra mission: i colori infatti lavorano in modo inconscio e molto più velocemente rispetto a parole e immagini.

Scegliere quelli giusti significa comunicare meglio e in modo più immediato col nostro pubblico.

Esempio di palette colori © LovingLetteringDesign

Ad esempio per un brand di prodotti naturali per il corpo non sceglierò un colore rosso perché non sarebbe in linea con questo tipo di attività, prediligerò invece colori dai toni pastello o un bel verde per richiamare il suo legame con la natura, magari dalla tonalità inusuale, poi inserirò un colore a contrasto ma in armonia, per differenziarlo dai suoi competitor. 

Ma come fare per scegliere quelli giusti che rispecchino valori e mission in modo adeguato?
Non c’è una propria e vera regola universale ma alcuni accorgimenti da tenere conto.

Per prima cosa devi chiederti:
– come vuoi che i tuoi clienti vedano il tuo brand?
– come vorresti che descrivessero quello che fai?
– che sensazioni vorresti esprimere attraverso i colori che utilizzerai sia nel logo che nella tua grafica coordinata?

Esempio di palette colori © LovingLetteringDesign

Una volta risposto a queste domande potrai esplorare il significato dei colori e delle emozioni che trasmettono e scegliere anche in base a questi aspetti.

Ad esempio:
BLU colore freddo che trasmette calma, chiarezza, intelligenza e fiducia…
ROSSO colore caldo che trasmette passione, energia, aggressività, coraggio…
VERDE trasmette armonia, freschezza, fertilità, abbondanza…


Fonte: thenextweb.com via Pinterest

Ovviamente ogni colore ha le sue declinazioni più chiare e più scure, e moltissime varianti possono modificare leggermente il significato che trasmettono. L’importante è mixarli insieme ad altri colori in modo armonioso.

IL CERCHIO CROMATICO

Per sceglierli puoi avvalerti del cerchio cromatico e scegliere fra le diverse combinazioni colore.

© LovingLetteringDesign

COLORI MONOCROMATICI
Un colore in differenti tonalità e sfumature

COLORI ANALOGHI
Colori vicini fra loro nel cerchio cromatico

COLORI COMPLEMENTARI
Due colori opposti fra loro nello schema

COLORI TRIADICI
Tre colori equidistanti fra loro

Quando creo un logo con la sua brand identity e non ho richieste specifiche da parte del cliente e ho abbastanza campo libero, utilizzo una tecnica che mi sono creata nel tempo. Per prima cosa mi impongo di utilizzare almeno 4 o 5 colori così composti:
– un colore principale che rappresenta la percentuale più alta nel logo e in tutta l’immagine coordinata
– uno o 2 colori derivati da quello principale che possono essere due sfumature oppure due tinte più chiare
– un colore a contrasto, quindi freddo se il principale è caldo
– un colore scuro e neutro da utilizzare per i testi sia su web che su carta

Con questi 4/5 tipi di colore si ha una palette armoniosa e soprattutto versatile.

Un’altra tecnica è quella di estrapolare i colori principali dalle immagini più significative della tua moodboard ispirazionale, così manterrai una certa coerenza e un filo diretto con quello che vuoi comunicare.

Esempio di palette colori © LovingLetteringDesign

Come vedi ci sono molti modi per farlo e soprattutto ogni progetto è diverso da un altro.
Tu hai già creato la tua palette colori? Come l’hai applicata alla tua identità visiva? Ti rispecchia e senti che rappresenta appieno la tua attività?

Raccontamelo nei commenti qui sotto! 

Cristina